Differenza tra consulenza psicologica e psicoterapia
Come prima cosa, su cui è bene essere informati quando si ricerca un aiuto psicologico, occorre sapere che lo psicologo e lo psicoterapeuta, benché operino entrambi per aumentare la qualità di vita della persona, non sono tuttavia figure interscambiabili, e non propongono la stessa cosa alla persona che si rivolge loro.
Lo Psicologo è un laureato in Psicologia, che ha successivamente conseguito l'abilitazione alla professione tramite l'Esame di Stato (Art.1 e 2, Legge 18 febbraio 1989 n. 56). Può fare diagnosi, valutazioni, interventi di prevenzione, di riabilitazione, ma non interventi di "cura" e, ovviamente, non utilizza farmaci come metodologia di lavoro.
Lo Psicoterapeuta è un professionista che, dopo la Laurea in Psicologia o Medicina, ha proseguito il percorso di formazione (ossia ha frequentato una Scuola di Specializzazione Quadriennale in Psicoterapia), di cui l'Ordine professionale ha riconosciuto la validità iscrivendolo all'Elenco degli Psicoterapeuti (Art. 3 della Legge 18 febbraio 1989, n. 56). Non utilizza farmaci, e non ne prescrive; benché possa prevedere la combinazione di psicoterapia e farmaci, nel qual caso deve necessariamente collaborare con un medico.
La legge non stabilisce in modo preciso cosa sia una psicoterapia, pur differenziandola bene dalla professione di psicologo. Questo in quanto ogni scuola di psicoterapia possiede un approccio unico ai problemi psicologici e a come affrontarli; dunque ogni scuola si avvale di teorie e metodi propri molto diversi gli uni dagli altri.
Uno psicoterapeuta ad indirizzo psicoanalitico farà al paziente una proposta di lavoro molto differente da quella che farà un terapeuta ad indirizzo sistemico-relazionale, o da un terapeuta della gestalt, oppure strategico e così via (oltre che porre l'attenzione su aspetti diversi della psiche, si incorre anche in profonde differenze metodologiche, di orario, di onorario, di durata della terapia, di numero di sedute settimanali e quant'altro).
In generale però si può dire che ciò che rende specifica l'attività di psicoterapia, rispetto alla consulenza psicologica, è di promuovere e agevolare un cambiamento nella persona, mettendo al servizio di questo scopo un insieme di tecniche e di competenze particolari.
Da uno psicoterapeuta non ci si aspettano risposte illuminanti bensì un percorso punteggiato di buone domande, che il terapeuta rivolge al paziente, e di fronte alle quali quest'ultimo mostra interesse e si adopera per fornire da sé, via via, le risposte, attingendo alle risorse personali.
Rispetto ad una consulenza psicologica, che deve poter offrire una serie di informazioni, o di indicazioni, che aiutino la persona a capire meglio la propria situazione, in psicoterapia c'è bisogno di stabilire una relazione, terapeuta-paziente, che diventi parte integrante del processo di esplorazione di sé, esplorazione dei propri atteggiamenti, delle proprie richieste ed aspettative nei confronti dell'altro.
Torna a Psicoterapia
Home
Studio di Psicologia e Psicoterapia, Riflessologia Plantare e discipline bio naturali